L’inglese rappando

Facebook contiene un mare di idee per l’apprendimento, a saper nuotare per bene.

Vi segnalo il video di un prof di inglese, che ho ribattezzato il “prof rap”, che ha trovato un modo divertente per insegnare i verbi irregolari ai suoi ragazzi.

Il video lo trovate nella pagina di English Grammar Club, qui sotto.

Prof Rap

Annunci

Il mio, suo, nostro primo giorno di scuola

bambini-con-lo-zaino

Non mi reputo una mamma eccessivamente apprensiva. Mio figlio undicenne è già la terza estate che va via da casa una settimana con gli scout. E, volendo parlare dei tempi ormai andati, ha cominciato a camminare a dieci mesi, ad un anno andava già su e giù dall’altalena, come potevo essere apprensiva. Si è poi sempre arrampicato ovunque senza che la mia preoccupazione lo seguisse o precedette. Però…

Però quest’anno comincia le scuole medie e oggi è il suo primo giorno di scuola. La sua preparazione è stata “Cosa mi metto?”. La mia è stata “Cosa mettiamo nello zaino?”. Poi ci siamo avviati verso la scuola. Io, la solita di sempre. Lui, accanto a me, le maniche tirate su fino ai gomiti, le mani in tasca a imitare i ragazzi grandi, per camuffare meglio il suo essere un bambino troppo cresciuto: ora abbiamo in comune un metro e sessantacinque di belle speranze. Poi arriviamo. Ecco gli amici, quelli che conosce, le chiacchiere. Io che mi presento a qualche genitore e ogni tanto osservo di nascosto: vedo la spensieratezza e percepisco poi quella improvvisa timidezza, che mi somiglia, quando si avvicina Quello che “proprio in classe con me…”. Ma ecco il sorriso ritorna, la battuta per smorzare tipica sua. La vice preside fa l’appello. Lo guardo serio e attento a non perdere il suo momento. Lo chiamano ed ecco va; per un attimo rivedo l’imbranataggine che però sfuma via subito. Eh, sì. Stai crescendo ragazzo mio.

E poi io saluto qualcuno, poco importa chi, e mi ritrovo a camminare verso il parcheggio. Ripenso alle facce viste. Come saranno gli amici? E i prof? Vabbè, speriamo bene. Intanto devo aspettare solo mezzogiorno… ma, quasi, quasi vado là prima, massì. Per trovare parcheggio, certo, solo per quello.

Maestra Agnese segnala siti sull’inglese

Maestra Agnese nel suo curatissimo sito ha raccolto, in un’interessante carrellata, diversi siti di software gratuiti, giochi, short storie per imparare l’inglese. Ce n’è per tutti i gusti. Personalmente mi sono soffermata su English-Guide.org e  Sundance Literactive Readers e gli ho trovati già pieni di tantissimi giochi, curiosità, materiali.

Qui sotto l’elenco dei siti per imparare l’inglese segnalati da maestra Agnese.

Elenco siti software, giochi e altro per imparare l’inglese

 

4 Risorse gratuite per la Matematica

traning cognitivo programmi.png

Dal sito di “Training Cognitivo” segnalo 4 risorse gratuite per la matematica, molto simpatiche.

La prima: Tavole pitagoriche personalizzate da stampare

La seconda: Da Zero a Cento, per rendere concrete le operazioni matematiche.

La terza: Conta su di me, una linea dei numeri personalizzata e interattiva.

Ed ultima: Numeri e Lettere, per favorire la conversione da parole a cifre e viceversa.

Aggiungerei, sempre di Training Cognitivo, una raccolta di giochi per esercitarsi sulle regole ortografiche ed ampliare il lessico, che avevo già indicato nei link suggeriti di Mammachecompiti: qui

 

PAGINE DSA AGGIORNATE

Occhio agli aggiornamenti!

Nel menu principale (barra in alto) l’argomento DSA è cresciuto!

Sono state aggiunte nuove pagine interessanti, sui disturbi degli apprendimenti e la dislessia. In particolare negli ultimi tempi sono nate le pagine seguenti:

  • Ebook DSA e BES scaricabili gratuitamente
  • 37 caratteristiche comuni della dislessia
  • Percorso e normativa per ottenimento indennità di frequenza.

 

 

ESERCITAZIONI DI GEOMETRIA

Stupisce trovare sul sito ufficiale della frazione di Santa Lucia, del comune di Cava dei Tirreni in provincia di Salerno, alcune pagine rivolte ai bambini e ragazzi del paese: pagine di umorismo, pagine per imparare i segnali stradali, quelle sui giochi di cultura generale, il ripasso scolastico e altro.

Ho trovato interessante la pagina del ripasso di geometria, che propone giochi, esercitazioni, formulari e spiegazioni. Ve la propongo qui: Geometria

Altre cose dalla pagina dei ragazzi di S.Lucia di Cava, le trovate nel link appena più sotto.

Buona navigazione.

Ragazzi al lavoro

37 caratteristiche comuni della dislessia

dislexia.png

Leggendo questo articolo “37 caratteristiche comuni della dislessia” ho finalmente ritrovato quelle che sono caratteristiche tipiche di mio figlio, e che io sospettavo legate al DSA, ma che fino ad ora non avevo mai trovato evidenziate in un articolo sui disturbi degli apprendimenti.

I DSA non sono solo disturbi legati alla scrittura, lettura e matematica, ma proprio un modo di essere. Tra le tante caratteristiche trovo:

Sono goffi, scoordinati, incapaci nei giochi con la palla o di squadra; hanno difficoltà negli esercizi motori più o meno facili.

Mio figlio si arrampica che sembra una scimmia, quindi non rientrerebbe nella categoria, ma ha sempre avuto difficoltà a capire certi giochi un po’ troppo complicati per lui nell’allenamento del basket, oltre che le posizioni in campo. Gli allenatori di giochi di squadra e gli insegnanti di ginnastica dovrebbero essere formati al riguardo: mai spiegare un gioco fatto di una serie di movimenti sul campo, mettendosi di fronte ai ragazzi. Le spiegazioni a specchio richiedono un ragionamento diverso: la destra e la sinistra non sono elementi così certi e netti nell’esistenza dei ragazzi DSA, imparano tardi questo concetto e comunque devono pensarci su.

Tornando alla considerazione di prima “sono goffi e scoordinati” mi torna in mente un pezzo del bellissimo libro “Demone bianco” di Giacomo Cutrera, un ragazzo dislessico che si è laureato in ingegneria, porta in giro nelle scuole la sua storia e ora è diventato vice presidente dell’ Associazione Italiana Dislessia. Scrivendo di sé stesso dice che da ragazzino “ero scoordinato nei movimenti e non avevo tecnica“.

Ancora l’articolo sulle 37 caratteristiche, di cui sopra, dice:

Gli è difficile capire che ore sono, gestire il proprio tempo, imparare informazioni in sequenza o essere puntuali.

Uh, come è vero! E’ trascorsa mezz’ora, per loro sono solo cinque minuti! In certi momenti mi occorrerebbe un manuale d’uso di mio figlio per sapere dove sta il pulsante Modalità puntuale! Ok, perdonate lo spirito (le mamme mi capiranno), a casa mia è così ma mi rendo conto che non tutti si ritroveranno in questa particolarità, naturalmente.

L’articolo riporta che delle 37 caratteristiche, ogni dislessico può ritrovarsi in circa 10 di questa lunga lista.

Se volete potete leggervi tutto l’articolo, del quale vi ho parlato, e anche altre cose interessanti al link indicato in alto.

DOVE ANDARE CON I BAMBINI

kidsart

Quando si avvicina il weekend non sapete dove andare con i vostri bambini? A parte guardare la pagina EVENTI (nel menu in alto) di mammachecompiti, dove potete trovare alcuni suggerimenti, vi segnalo un sito molto bello dove potete fare una ricerca mirata, sui musei con percorsi d’arte, laboratori e attività adatti ai bambini: digitando data, regione, provincia, età dei bambini avrete una selezione degli eventi.

Kids art tourism

MENU PRINCIPALE

Ciao a tutti voi!

Voglio ricordarvi che dal menù principale potete accedere alle sezioni DSA, come disturbi degli apprendimenti, Tanto per sorridere, Frasi incoraggianti ed Eventi che vengono costantemente aggiornate, e naturalmente le pagine di servizi offerte da mammachecompiti!

Commentate e suggerite!